Cerca
  |  Login
Percorso di navigazione > Home > Notizie


12
Nuove regole e requisiti di accesso alla DisColl


Con una circolare l’Inps chiarisce le modalità per beneficiare della indennità di disoccupazione per i collaboratori con contratto Co.co.co o a progetto.

A cura di 50&PiùEnasco 

Tra le varie misure del cosiddetto “Decreto Tutela Lavoro” (il D.L. 109 del 2019) il Governo ha inserito anche una norma che modifica – e semplifica – l’accesso alla DisColl da parte dei lavoratori a tempo determinato iscritti alla gestione separata Inps.

L’indennità di disoccupazione mensile “DisColl” è una prestazione a sostegno dei collaboratori coordinati e continuativi, anche a progetto, assegnisti di ricerca e dottorandi di ricerca con borsa di studio che abbiano perduto involontariamente la propria occupazione (articolo 15, decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22).

Fino a oggi, per richiedere e accedere all’indennità di disoccupazione dei Co.co.co, infatti, era necessario che il lavoratore rispettasse parametri ben precisi. Prima di tutto, doveva trattarsi di un licenziamento (o, come si dice in gergo, doveva essere una disoccupazione involontaria). Inoltre, il richiedente doveva aver maturato almeno tre mesi di contribuzione nella Gestione separata Inps. Un criterio, quest’ultimo, che rappresenta un vero e proprio ostacolo insormontabile per tanti lavoratori che avevano contratti di collaborazione a tempo determinato, che finivano così con il ritrovarsi senza lavoro e senza alcun sussidio economico. 

Con il Decreto Tutela Lavoro, come accennato, l’accesso al DisColl è stato notevolmente facilitato grazie alla revisione di uno dei parametri di accesso. In particolare, il numero di mesi di contribuzione versati alla Gestione separata Inps è stato ridotto, passando da tre a uno. Una mossa che amplia in maniera decisa il bacino di possibili lavoratori interessati alla misura di supporto nel caso in cui un collaboratore occasionale dovesse improvvisamente trovarsi senza più lavoro.

Advertisement

A comunicare le nuove modalità di accesso alla DisColl è stata la stessa Inps, che si occupa di erogare materialmente il sussidio di disoccupazione. Con il messaggio del 4 ottobre 2019, l’Istituto spiega in maniera dettagliata le varie modifiche apportate al testo nel corso degli anni, fino ad oggi.

La modifica alle modalità di accesso all’indennità di disoccupazione per i Co.Co.Co è valida però, solamente per i lavoratori che hanno perso il lavoro dopo il 5 settembre. Ossia, dal giorno di pubblicazione in Gazzetta ufficiale del testo del Decreto Legge 109 del 2019. Ricordiamo che la DisColl viene corrisposta per un numero di mesi uguale alla metà dei mesi di contribuzione accreditati nel periodo che va dal 1° gennaio sino al giorno in cui si è stati licenziati. Comunque, la sua durata non può essere superiore ai 6 mesi.

Per richiedere la DisColl è necessario presentare domanda dall'Inps entro 68 giorni dalla data di cessazione del contratto di collaborazione; l’indennità di disoccupazione spetta dall’ottavo giorno dalla perdita del lavoro. Nel caso di domanda inviata successivamente, si avrà diritto a percepire l’indennità di disoccupazione a partire dal primo giorno successivo alla data di presentazione della domanda

 


   In evidenza...

I requisiti per accedere al sussidio di disoccupazione

A partire dagli eventi di disoccupazione verificatisi dal 5 settembre 2019, quindi, potranno fare domanda di DisColl i soggetti che presentino congiuntamente i seguenti requisiti:

·    siano, al momento della domanda di prestazione, in stato di disoccupazione;

·    possano far valere almeno un mese di contribuzione nel periodo che va dal 1° gennaio dell’anno civile precedente l’evento di cessazione dal lavoro al predetto evento (accredito contributivo di una mensilità).



P
er qualsiasi problematica attinente l’argomento trattato, o per altra questione di natura previdenziale, il Patronato 50&PiùEnasco offre tutta la consulenza e l’assistenza necessarie.

 


Leggi qui tutti gli articoli della rubrica previdenza

 Gli esperti di 50&PiùEnasco che curano questa Rubrica sono:
 Paolo Daprelà, Filomena Ianni, Daniela Toschetti.


50&PiùEnasco è un Istituto di Patronato e di Assistenza Sociale, presente su tutto il territorio nazionale e fornisce la propria assistenza gratuita nello svolgimento delle pratiche relative a tutte le tipologie di prestazioni erogate da INPS (comprensive di quelle a carico dei lavoratori pubblici - ex INPDAP - e dei lavoratori dello spettacolo - ex ENPALS, ENASARCO, INAIL, Ministero dell'Interno.


 Clicca qui per conoscere la sede a te più vicina.


Stampa






AREA RISERVATA 50&PIU' CARD
Sconti e agevolazioni su tutti i servizi riservati ai soci.

COMMUNITY
Accedi allo spazio di incontro, informazioni e proposte.
COLLEGAMENTI UTILI
Accedi alla pagina dedicata ai link di maggiore interesse.

In Primo piano

A colf, badanti e baby-sitter un bonus di 500 euro per due mesi

E' operativo il bonus a favore dei lavoratori domestici in difficoltà a causa dell’emergenza coronavirus


Un’alleanza oggi per l’italia di domani

Il nostro Paese necessita di una strategia chiara per risolvere le conseguenze economiche portate dall’emergenza sanitaria


Il teatro è longevità, recitare è un elisir di lunga vita

Lo sanno bene i tanti attori che, oggi, calcano la scena ben oltre i supposti limiti di età


Covid-19: i dati conclusivi del sondaggio 50&Più

La ricerca racconta speranze e paure degli over 55, al tempo della pandemia


Archivio News


 Forse ti interessano
 anche notizie su...
LAVORO e PREVIDENZA
Assistenza e sanità, sicurezza, pensioni e contributi  (...)

 TEMPO LIBERO
Arte e cultura, viaggi e turismo, scienza e tecnologia (...)

 COSTUME e SOCIETA'
Eventi, salute e benessere, novità per gli over 50, anniversari  (...)

ECONOMIA e FINANZA
Fisco, consumi e tariffe, trasporti, energia e ambiente (...)


 
Per ogni informazione contatta.il nostro numero verde.
La telefonata è gratuita da tutta Italia.